SUPERBONUS da 110% a 90%

white and black wall paint

Non eccepisco sulla percentuale, potrei sulle motivazioni. Pessimi controlli, scarsa serietà di aziende improvvisate, poca e poco preparata informazione …

Scrivevo ciò nel NOVEMBRE 2022. Ti ripropongo questo approfondimento sul superbonus, alla luce delle ultime decisioni prese dall’ennesimo Governo di politici avulsi dalla realtà. Non se ne esce? Beh! Immagino sia molto difficile farlo. Non si tratta di STOP al superbonus. Si tratta di minare ulteriormente la fiducia delle persone comuni, quelle cha pagano il mutuo e le bollette, per intenderci.


Te ne ho già parlato a lungo in questi articoli.

Leggi tutto: SUPERBONUS da 110% a 90%

Te ne ho parlato da persona informata sui fatti. Da tecnica che, lavorando assieme ad aziende preparate, specializzate proprio in questo settore, con le quali abbiamo fatto i salti mortali per farti avere le soluzioni migliori, nel miglior tempo possibile, ha aiutato famiglie e aziende ad affrontare la crisi.

Mentre i politici si arrabattavano per ostacolare il successo di un’operazione che permetteva A CONDOMINI, A PICCOLI PROPRIETARI (in Italia, più dell’80% delle persone possiede la casa in cui è residente), di eliminare la spesa del gas, di ridurre l’emissione di CO2 grazie alle energie rinnovabili, di tagliare LE BOLLETTE.

Ora, lo avrai saputo, lo sconto fiscale scende al 90% e (mentre tutte le associazioni di categoria auspicavano divenisse funzionale e organico) con tempistiche ridicole.

Dicevo, a inizio pezzo, che il 90% di sconto fiscale è ancora un buon obiettivo. Immaginati di investire 70.000€ per aggiustare tutte le cose che non vanno, nella tua casa: infissi colabrodo, caldaia energivora 🙂 ecc. rendendoti autonoma/o producendo energia dal fotovoltaico. Se, veramente, di quei 70.000€ te ne tornassero in tasca, in 5 anni, 63.000€ (12.600 ogni anno) scalati dalle tasse che, se sei dipendente, l’azienda ti rende in busta, sarebbe vantaggioso persino anticiparli prendendo un prestito.

Il dramma, la scelleratezza, è tutta nella burocrazia finanziaria. Nel volerci guadagnare delle banche, nella non formazione degli uffici tecnici, nell’inadeguatezza degli uffici dell’agenzia delle entrate. Al punto da seminare il panico, nel dover sentire dire che IL SUPERBONUS sarebbe addirittura pericoloso. E, per certi aspetti, lo è diventato se a lavorare sono aziende impreparate, che non riescono a stare dietro ai decreti attuativi, per esempio.

Eppure, i miei clienti lo hanno usato, il superbonus 110%. Ad alcuni è capitato di patire installazioni non precise, perché la richiesta di installatori ci ha costretti a trovare molti più fornitori, su cui è più difficile mantenere il controllo. Ma, in questi casi, hanno ottenuto ragione, comunque. E hanno potuto eliminare la spesa del gas, già mostruosa anche prima della pretestuosa guerra in Ucraina. Per esempio.

OGGI, INSOMMA, COSA FARE?

Aspettare, per capire cosa davvero sia realizzabile. Non mollare l’idea di poter efficientare la propria casa, rendendola così anche più godibile e aumentandone il valore.

Io ho efficientato, e supportato amici e parenti a farlo. Non abbiamo più la spesa del gas. Abbiamo una maggior gestione del clima in casa, e ti sorprendo: NESSUNO di noi ha beneficiato del 110% 😉

Parafrasando una famosa affermazione: “Se pensi che una consulenza seria costi troppo, ancora non hai fatto i conti con quel che ti costerà una scarsa. O inesistente!”

Chat on WhatsApp

Cattivo bonus o pessimi controlli?

zombies at the door

Ultimamente, purtroppo, ho dovuto ascoltare tali castronerie, falsità e manipolazioni su due temi DETERMINANTI per il futuro dell’intero pianeta. Energia e Superbonus 110%.

In queste righe tenterò di trattenere il mio disappunto, illustrando la situazione, sia sull’uso di gas che (ripetendomi) sulle ragioni sacrosante e gli obiettivi del Superbonus 110%.
Non entrerò nel merito della percentuale (l’analfabetismo funzionale ha, purtroppo, giocato un ruolo incisivo, nel valutare e affrontare l’operazione 110%. Siamo talmente abituati a pubblicità assurde, tipo “il 70% più il 40%!!!”), tuttavia ritengo che sarebbe stato comunque un provvedimento efficace anche con il 100%; certo però che così, quel che avrebbero incassato le banche, sarebbe stato più comprensibile, ai cittadini…

Ma non mi piace divagare, anzi no! Adoro divagare (a voce) 🙂 e so bene che, nello scrivere, o sei Joyce oppure divagare è un pessimo comunicare.

Leggi tutto “Cattivo bonus o pessimi controlli?”

Bonus 110%: bilancio, a un anno di attività.

wood sky blue building

Un anno fa, chi non seguiva da dentro, da tempo e con esperienza la grande opportunità economica ed ecologica rappresentata dal SUPERBONUS 110% scopriva che, forse, c’era da fare.

Chi mancava dei requisiti di cui sopra, chi ha intravisto solo la parte economica, il business, ha creato in fretta e furia società per accaparrarsi clienti e denari.

Chi, da oltre un decennio, ha lavorato proprio in questa direzione, ovvero EFFICIENTAMENTO ENERGETICO, RISPARMIO ENEREGTICO, ENERGIA PULITA E BONUS STATALI, nel mese di agosto dello scorso anno, ha raccolto oltre tre milioni di commesse. Mentre “gli altri” si ingegnavano tentando di capire come eludere e come gestire le pratiche e le doverose richieste dell’Agenzia delle Entrate.

Premessa un po’ pungente, ma necessaria. Credetemi, ho sentito raccontare cose, in questo anno, che mi hanno costretta a riprendere la meditazione, per non rimetterci lo stomaco 🙂

Si è trattato di una sfida sicuramente complessa. I decreti attuativi sono usciti a spizzichi e bocconi, i limiti di spesa, i prezziari, le distinzioni tra interventi efficientanti, la TOTALE IGNORANZA IN MATERIA di imprenditori edili, tecnici progettisti, amministratori condominiali. E, su tutto questo, le banche!

Ho contattato, nel settembre del 2020, alcune banche con le quali ho rapporti personali (conosco sue/oi dirigenti, non perché c’ho i conti lì 😀 ). In tutta franchezza, mi hanno spiegato come fossero in ritardo, nell’organizzare l’operazione finanziaria del 110%. Al solito insomma, ritardi nelle norme, ritardi nelle indicazioni, ritardi nell’approntare persino la modulistica… ma, andiamo oltre.

Leggi tutto “Bonus 110%: bilancio, a un anno di attività.”

Sconto 110%: fino a quando possiamo sfruttarlo?

person holding black pen

Evitando di commentare questi “avanti e indré” meramente politici, devo dirti che, a oggi, pare che la proroga paventata al 2023 sia di nuovo contratta al 30 giugno 2022.

per gli edifici plurifamiliari da 2 a 4 unità immobiliari la scadenza passa al 30 giugno 2022 anche qui con l’opzione al 31 dicembre 2022 nel caso al 30 giugno 2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 60 per cento dell’intervento complessivo.

[fonte LavoriPubblici ]

Pur rimanendo la CIA come obbligo di comunicazione ai Comuni, il che ha snellito un po’ le lungaggini legate all’inefficienza degli uffici pubblici; pur avendo di fatto ampliato le condizioni per le quali è possibile valutare il 110% [per esempio l’accesso indipendente], ci troviamo a dover fare di corsa.

Lo sconto in fattura, o la fruizione dell’ecobonus (superbonus), sono validi anche per le spese sostenute nel 2022.
MA, e questo ma è gigantesco, come noi temevamo (noi = tecnici e consulenti per l’efficientamento energetico, “sul pezzo” da più di 10 anni!) ci sono problemi con tecnici diversamente preparati e aziende diversamente etiche e discutibilmente oneste.

Cosa intendo? Traggo da fatti reali e specifici, alcune indicazioni:

senza una chiara, dettagliata analisi TECNICA, svolta da chi il lavoro di tecnico nel campo dell’efficientamento energetico, LO SA FARE non da ora, e lo svolge A FAVORE DEI COMMITTENTI, quindi ora i condòmini di un edificio, ora un uniproprietario, non si può fare nulla.

Non si può nemmeno chiedere all’oste se il vino è buono, ovvero non si può (no, proprio non si può!) farsi fare preventivi da società afferenti A MULTIUTILITY che intendono, per i propri interessi, CONTINUARE A VENDERTI IL GAS.

Quando invece, un bravo e capace intervento analitico tecnico, avrebbe dimostrato come, SOSTITUIRE UNA CALDAIA A GAS CON UNA A POMPA DI CALORE, coadiuvata da un impianto fotovoltaico per esempio, avrebbe rappresentato un enorme vantaggio economico per i condòmini E PER IL PIANETA.

QUAL’E’ IL RISCHIO che corri, se ti gabbano?

Leggi tutto “Sconto 110%: fino a quando possiamo sfruttarlo?”

Cosa vi posso offrire

La mia attività professionale

Non sono una venditrice. Sono una consulente.

BENESSERE & FORMAZIONE.

Coaching Riequilibrio Energetico. Esperienze personali profonde e potenzialmen­te sconvolgenti hanno, sin dalla mia nascita, messo alla prova le mie capacità di resistenza, rigenerazione e rinascita, forgiandole.  ventinove anni incontro, e decido di imparare compiutamente, un’antica arte per il riequilibrio energetico, l’autoguarigione e il benessere psicofisico. Spinta sia dalla mia ricerca personale che dal desiderio di portare sollievo a mia madre, malata da sempre.
Ho dedicato ogni minuto del mio tempo, da allora, alla mia crescita personale, alla liberazione di ogni mio blocco emotivo, al perdono di me stessa e a trasmettere la consapevolezza di questa opportunità a chiunque me lo abbia chiesto. Ho maturato il percorso formativo EnerGeo, fondando con altr* maestr* Accademia EnerGeo e dirigendone l’associazione dal 2002 al 2012.

Oggi è possibile contattarmi per scegliere il percorso di STRESS MANAGEMENT #byenergeo online.

Non si tratta di un massaggio, non di estetica o di trattamenti invasivi. Sono sedute innanzitutto volte al RILASSAMENTO PROFONDO. La scelta professionale che è stata fatta, da parte di Accademia EnerGeo, è quella di utilizzare come primo strumento, quello dell’invio a distanza. Efficace, comodo, smart!

Corsi RELAX no stress by EnerGeo. Cosi come è possibile ottenere uno stato di rilassamento profondo, sottoponendosi alle mie sedute (a distanza e in presenza), è anche possibile, per un rilassamento più duraturo, autonomo e consapevole, imparare i “trucchi del mestiere! Partecipando ai corsi, IN PRESENZA e della durata di due giorni (oppure quattro, quando riprenderemo i corsi nei weekend lunghi al mare!).

Corsi di formazione per settore Wellness. Il rapporto tra corpo fisico e relax o riequilibrio energetico, è presente fortemente nelle professioni che si occupano di salute e benesse­re. Non a caso, tra le/i mie/i allieve/i sono ben rappresentate quelle di estetista, infermiera/e e fisioterapista. Per questo motivo ho elaborato un protocollo didattico, in collaborazione per la parte specifica dell’estetica con una formatrice di importanti marche naturali internazionali.

Visita il sito www.accademiaenergeo.it e contattami, per prendere il tuo momento di benessere, a casa tua, quando vuoi tu!

Integratori naturali e cosmesi top di gamma: faccio parte di un team internazionale che fornisce Integratori e Cosmesi di altissima qualità e con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Dai uno sguardo qui. Puoi ottenere, tramite me, sconti e consulenza per migliorare il tuo stato di benessere, la tua bellezza, la tua energia.

Tecnologia, ABITARE & AMBIENTE.

La mia formazione tecnica, la conoscenza dell’energia vitale, l’etica e il rispetto per l’ambiente mi hanno fatto incontrare un ‘azienda unica nel suo genere. Era il 2010 e ho colto l’opportunità di mettere a disposizione di famiglie e aziende, tramite la mia esperienza, l’opportunità di ottenere risparmio e guadagno.

Leggi tutto “Cosa vi posso offrire”