Perché non bevo l’acqua del rubinetto

three clear water bottles

Acqua del rubinetto: da bere, da cucinare o solo per lavare?

E perché non compro l’acqua in bottiglia.

Acqua del rubinetto- Standard EuropeiAcqua buona- Il sapore dell’acqua è un fatto. – A Parigi, per Legge, te la devono dare dal rubinetto anche al ristorante, se la richiediAcqua sicura- Priva di batteri e di contaminanti, ecco cosa la rende sicura

eSpring ti informa quando è giunto il momento di cambiare il filtro.
NO alle bottiglie! Sì all’acqua buonissima, da rubinetto! No al cloro!

Avere l’acqua corrente è di sicuro uno dei privilegi della vita moderna e occidentale! Come per l’energia elettrica: pensare di non averla disponibile, rende tutto molto oscuro! Naturalmente, l’acqua che sgorga dal rubinetto è potabile, quindi assolutamente bevibile dal punto di vista sanitario. Però personalmente non mi sento proprio di affermare che sia buona.

Non lo è, non per me. Per cominciare, la puzza di cloro (sono allergica al cloro, non in modo grave, ma abbastanza per darmi fastidio). Poi, il gusto che deriva dal tipo di tubature attraverso le quali scorre prima di arrivare al mio bicchiere. Poi, che ti devo dire: dopo 27 anni di acqua filtrata da depuratori domestici di alta qualità, finisce per far schifo parecchia roba 🙂

Della giornalista (sono iscritta all’Ordine dei Giornalisti dal 1994, mica ciufoli!) ho sporattutto la curiosità e la tenacia, su ciò che mi interessa. Perciò da anni leggo, scartabello, studio e mi informo sulle tematiche che tratto in questo blog. Salute e benessere anche dell’acqua che bevo. Perciò non da ora sono a conoscenza di episodi di contaminazione delle acque in bottiglia, come delle acque dell’acquedotto. Un ultimo esempio del fatto che potranno anche essere marginali, ma se ti capita una serie di bottiglie “così” poi ci stai male tu, è in questa ricerca svizzera, recentemente pubblicata:

Secondo un reportage di RTS e Kassenrutsch in Svizzera, sono state analizzate in laboratorio dieci marche di acqua minerale. I risultati hanno mostrato tracce di contaminanti come microplastiche, PFAS e residui di pesticidi in alcune di esse. Sebbene la maggior parte delle acque testate (sei su dieci) fossero completamente pulite, alcune marche come Valser, San Pellegrino, Swiss Alpina e Henniez hanno mostrato la presenza di vari contaminanti a diversi livelli. [continua a leggere sul sito originale]

Il cloro mi fa schifo. E a te?

Ma quella fissa di mettere il cloro nell’acqua, per ammazzare i batteri… è normale? Cioè, credi in qualsiasi città al mondo, per rendere potabile l’acqua che arriva nelle case e nelle attività, ci si metta il cloro? Non a Los Angeles, per esempio:

L’acqua potabile a Los Angeles arriva dalla fogna, sono in programma visite guidate per il pubblico degli impianti di microfiltraggio, osmosi inversa, irradiazione ultravioletta in grado di eliminare colibatteri, virus, tracce di farmaci, pesticidi e tutti i veleni organici ed inorganici che confluiscono nelle fogne

h2oMilano

Non ho intenzione di scrivere una tesi sulla potabilità dell’acqua, però. Voglio solo darti i motivi per cui io e la mia famiglia preferiamo non bere e non cucinare con l’acqua del rubinetto.

Dunque: il sistema di potabilizzazione col cloro, è un motivo. E in Europa non è il solo sistema per rendere potabile l’acqua.

La rete fognaria italiana, costituita da 300.000 km di tubature in amianto! Con tutto ciò che ne consegue, per la nostra salute, un altro motivo.

La rete fognaria, il sistema di depurazione e la gestione della rete idrica non sono sempre ottimali. Reti fognarie non separate (acqua bianche e acqua nere confluiscono in una sola condotta), impianti sottoprogettati (accade spesso nelle zone turistiche). L’acqua dell’acquedotto è potabile, perché appositamente addizionata con cloro.

Ma la presenza di glifosati, fertilizzanti ecc. non sempre è puntualmente monitorata, per esempio. Quindi, tutto bene se ci faccio la doccia. Ma a berla e a cucinare beh! Io preferisco il mio impianto domestico.

La presenza di elementi chimici e minerali, nell’acqua del rubinetto, in quantitativi regolati dalla Legge italiana, non mi rassicura. E’ la somma che fa il totale, e preferisco bere meglio.
Qui le informazioni su questi elementi contenuti nell’acqua del rubinetto in Emilia Romagna, ove impera Hera.

Cos’ha di diverso, di più dagli altri sistemi di depurazione domestico, il mio eSpring? Un numero maggiore di brevetti, tecnologia avanzata, non accumula l’acqua ma la filtra e sanifica appena la fai arrivare dalla rete. E’ bello da vedere, sta benissimo sopra al mobile di cucina. Ma puoi metterlo anche sotto lavello. Puoi fare tutto da te, anche il cambio del filtro che ti segnala direttamente la macchin, dopo che avrai usato 5.000 litri oppure dopo un anno di utilizzo.

Ora ti linko la pagina ufficiale di eSpring, mentre qui sotto puoi vedere un video di presentazione.

Vuoi saperne di più? Ti piacerebbe acquistarlo con un prezzo scontato?
Penso che sia una buona idea, sai!?

Questi sono i link in questo blog, che puoi sfogliare:
eSpring il mio video dell’installazione
eSpring il mio cambio del filtro
eSpring depuratore facile e fai da te

qui invece mi puoi contattare quando vuoi, su Whatsapp: ti risponderò sicuramente e al più presto H24

Abbiamo fatto due conti, puoi avere eSpring con la spesa che sosterresti in un anno, e da quello successivo tutto gratis, facendo da te. Col mio aiuto sicuro sia per installare che per cambiare il filtro dopo un anno.

Ti aspetto! Silvia

Perché continui a comprare l’acqua in bottiglia?

woman drinking water from glass bottle

L’acqua in bottiglia pare essere una moda, in Italia.

acqua in bottiglia, bere acqua
Photo by Marina Leonova on Pexels.com

Ma mi sono resa conto che 6 bottiglie d’acqua da 1 l. mi bastano, a malapena per bere acqua in un giorno! Non c’è paragone con il mio depuratore domestico. Seguimi.

A causa di un trasferimento imminente, ho vissuto per alcuni giorni senza il mio depuratore domestico eSpring per eseguire il sopralluogo.

Come ti ho raccontato qui, dal 1996 bevo solo acqua dal rubinetto – da depuratore domestico. Ho utilizzato, in 27 anni, le migliori marche, con le migliori certificazioni, e la miglior assistenza. Fino a giungere a questo prodigio di depuratore domestico: eSpring. Che, tra tutti i benefit che offre, può anche essere facilmente trasportato, in vacanza o dove si vuole. Però sapevo di non dover stare via molto, così non me lo sono preso dietro.

woman drinking water from glass bottle
Photo by Arnie Watkins on Pexels.com

Pur sapendo benissimo quali siano i vantaggi del depuratore domestico rispetto all’acqua in bottiglia o dal rubinetto, perché da molto tempo caldeggio il passaggio a questi apparecchi, ho avuto la prova concreta che, davvero, comprare bottiglie d’acqua non è cosa! Non ci si sta dentro! 6 litri mi bastano a malapena per dissetarmi, in un giorno!

Ma, in trasferta senza il mio depuratore domestico, ho dovuto recarmi al supermercato, acquistare almeno 6 bottiglie da 1,5 litri (io e mio figlio, per il sopralluogo) al giorno, trasportarle in auto, trasferirle in dispensa, e ogni volta che ne terminavo una dovevo riporla nel luogo preposto alla raccolta domestica della plastica, per poi organizzarmi per portarla o al bidone per la raccolta stradale della plastica.

Ho usato poca acqua imbottigliata per cucinare, anche se, invece, è la più importante azione, in termini di benessere, perchè il cloro, come gli altri elementi contenuti nell’acqua potabile della rete idrica, proprio col calore crea legami chimici con gli elementi posti a cottura, non proprio benefici. Naturalmente, l’ho usata per fare il caffè, questo sì!

Infine, ho riempito lo spazio dedicato alla raccolta differenzata della plastica in un attimo! 6 bottiglie ogni giorno! Assurdo!

Stai pensando che bevo molto? 🙂 Mi tengo idratata, e sono sui 3 litri consumati bevendo, durante la giornata e lontano dai pasti. Il resto mi serve per cucinare le verdure, la pasta, il caffè…

Conviene usare il depuratore domestico? Facciamo due conti.

eSpring ti informa quando è giunto il momento di cambiare il filtro.
NO alle bottiglie! Sì all’acqua buonissima, da rubinetto, con eSpring

Diciamo allora che ti vuoi mantenere sugli standard cosigliati e bere quanto il Ministero della Salute indica: tra i 2 e i 2 litri e mezzo al giorno. Come minimo.

E diciamo che in famiglia siete in 4: un pacco da 6 bottiglie da 1,5 litri = 2,25 litri a testa al giorno per bere. Poi, la pasta la cucinerete come viene.

Se, fino a oggi, hai desistito dal procurarti il depuratore domestico per una questione economica, urge fare quei famosi 2 conti. Perché, che l’acqua sia indispensabile, è un fatto indiscutibile.

nel 2022 i consumi di acque minerali in Italia hanno raggiunto quota 14,9 miliardi di litri con un aumento del 9% sul 2021 e una media pro-capite pari a 252 litri

BolognaToday

Dunque: quanto costa comprare l’acqua nelle bottiglie?

L’indagine di Assoutenti

Una confezione da 6 bottiglie di acqua da 1,5 litri costa, in media in Italia, 2,28 euro (0,38 euro a bottiglia). La città dove l’acqua minerale costa di più è Bolzano, 3,09 euro a confezione (0,51 euro a bottiglia).
Seguono Trento (3,02 euro) e Gorizia (2,88 euro).
Bologna si colloca al 9° posto con un prezzo medio di 2,6 euro. 

BolognaToday

La media nazionale si attesta sui 2,28€ per 6 bottiglie.

Quindi, per quanto affermato poco sopra, un pacco da 6 bottiglie al giorno, come minimo, ti costa all’anno 832,20€ all’anno.

E, ribadisco, continui a bollire la pasta, la verdura, il caffè, il the ecc. con acqua che, per poco che abbia, è addizionata col cloro, perché questi è in grado di eliminare gli inquinanti microbiologici. Tuttavia non elimina i metalli pesanti e gli altri agenti contaminanti, la cui presenza nell’acqua dal rubinetto è regolata dalle norme vigenti in ciascuna zona d’Italia. Perché comunque ci sono. Soprattutto quando vengono fatti lavori alla rete idrica… mai successo? Di vedere uscire dal rubinetto acqua gialla, o rossa, o grigia a seconda degli interti demoliti per entrare nelle tubature e lavorarci su? Ecco, quello è ciò che passa il convento.

Oppure, diciamo che compri l’acqua in bottiglia anche per cucinare (e magari lavare anche le verdure, sai com’è…). Scelta antieconomica, ma anche poco salubre, mannaggia! Guarda questa recentissima ricerca svolta in Svizzera:

Recenti analisi condotte in Svizzera hanno rivelato che la qualità dell’acqua minerale imbottigliata può presentare problemi. Secondo lo studio, quattro delle dieci marche di acque minerali testate hanno mostrato tracce di diserbanti, microplastiche o PFAS.
Sebbene l’acqua minerale provenga da fonti controllate e sia generalmente considerata pura e sicura, i contaminanti di origine chimica prodotti dall’uomo, diffusi nell’ambiente, possono infiltrarsi nelle falde acquifere. Questi contaminanti persistono per lungo tempo nell’acqua, finendo quindi nelle bottiglie che consumiamo quotidianamente.

Ora, alla luce di queste considerazioni, quanto dovrebbe costare uno strumento così indispensabile alla tua salute e al tuo benessere, come il depuratore domestico, affinché tu ti convincessi a usarlo? Se costasse quanto ti sarebbe costata, in un anno, solo l’acqua da bere in bottiglia, lo sceglieresti? Considerando anche che varrebbe tanto di più, perché ti darebbe acqua anche per cucinare!

Le bottiglie d’acqua, plastica o vetro che sia, hanno molti difetti.
In vetro pesano di più e solitamente non vanno oltre al litro di capienza.
Le devi sempre conservare, e se non le butti nel contenitore differenziata vetro, le devi conservare, le bottiglie vuote, nelle cassette, fino a che non passerà nuovamente il tuo fornitore. A ritirare i vuori e a consegnartele piene. Assurdo! Perdonami, se sei tra coloro che usano questo sistema. Ma, Dio! E’ assurdo tutto questo casino per bere l’acqua. SOLO per bere!

Ricapitolando:

  • l’acqua in bottiglia rimane spesso immagazzinata al sole e subisce sbalzi di temperatura, che ne rovinano la composizione
  • la bottiglia di plastica, se sottoposta all’esposizione di cui sopra, può rilasciare microplastiche nell’acqua contenuta
  • la bottiglia, plastica o vetro che sia, occupa spazio, sia quando è piena, che quando è vuota. Ha un peso, richiede impegno per essere stoccata e differenziata
  • generalmente non usiamo l’acqua in bottiglia per cucinare la pasta o le verdure; ma il calore è cattivo compagno della cottura, con l’acqua dal rubinetto. Potabile, sì! Ma non buona.

[continua: perché non bevo acqua dal rubinetto]

Posso darti molte informazioni in merito, non esitare a inviarmi un messaggio WhatsApp, anche adesso. Rispondo appena possibile, contaci.

Depuratore d’acqua domestico eSpring

depuratore d'acqua domestico per bere e cucinare con acqua come di sorgente, senza bottiglie tra i piedi e nell'ambiente

Come cambiare il filtro di eSpring

in totale autonomia, senza l’intervento di alcun tecnico

Bene, hai comprato il tuo potente eSpring per avere 5.000 litri di acqua pura e minerale dal rubinetto della tua cucina, beneficiando di acqua come da sorgente per cuocere la pasta, la verdura, per fare il caffè, le tisane. Non hai dovuto muovere 5.000 bottiglie e hai risparmiato 750€ (5.000 i litri che hai utilizzato x 0,15€ il costo medio di una bottiglia da 1 litro di acqua). Ti ho parlato di eSpring in questo post.

eSpring ti informa quando è giunto il momento di cambiare il filtro.

Al termine dei 5.000 litri microfiltrati la macchina ti ha avvisato che era giunto il momento di cambiare il filtro.

E così mi hai contattata (oppure hai usato il sito, in qualità di cliente registrata/o) e hai acquistato il filtro nuovo.

il pacco amway contenente il filtro per eSprin, coperto da garanzia totale.

Nel giro di 4 giorni ti è arrivato il pacco.

E allora, senza problemi, lo apri.

Leggi le semplici istruzioni.

E cambi il filtro.

Rimanendo allucinata/o per il livello di colore che ha preso, trattenendo NON SAI COSA per farti usare acqua pura

Ecco quello che abbiamo fatto oggi, a casa di un cliente a Villamarina di Cesenatico.

ecco cosa trattiene il filtro di espring filtrando l'acqua che sgorga dal tuo acquedotto

Ti indico la zona, perché so che da quelle parti va molto credere che l’acqua che sgorga dal rubinetto sia il massimo! Perché “arriva da Ridracoli”.

Io non lo so, se arriva da Ridracoli. So che in Italia ci sono

  • a) un sacco di lavori in corso durante i quali vengono rotti pezzi di tubature di acquedotto, per esempio e
  • b) chilometri e chilometri di tubature di acquedotti in AMIANTO.

[Con l’uso antropico, l’acqua evapora, e le fibre di amianto si aerodisperdono negli ambienti. In questo modo, sono facilmente inalabili. In Italia, ci sono 500mila km di tubature in cemento amianto, detto anche eternit. LINK]

Calcinacci, polveri di laterizi, cemento, gesso e via così inclusi.

Non ci credi?

Ok, ti mostro passo passo il cambio filtro.

apertura pacco contenente filtro nuovo eSpring

Apriamo il pacco, estraiamo il candido nuovo filtro.

Il nuovo e candido filtro per il depuratore domestico a microfiltrazione eSpring

Abbiamo preso l’eSpring, scollegato dalla corrente e dall’alimentazione dell’acqua. Tolto la parte superiore, estratto la parte elettronica.

Abbiamo così avuto accesso alla ghiera bianca, da svitare per scoprire il porta filtro

filtro eSpring per il cambio

Siamo passati poi a staccare i due tubi per l’acqua, aiutandoci con il simpatico “cosino” azzurro che agevola la premitura dei due blocchi bianchi.

il cuore della macchina eSpring, il copri vano per il filtro

Sollevando la maniglia nera abbiamo tolto dal sottovuoto il coperchio del filtro, e lo abbiamo estratto: ma chi schifo di colore!

filtro eSpring usato: ecco cosa ha trattenuto per 5.000 litri

Naturalmente abbiamo lavato il contenitore del filtro (sporchino), abbiamo tolto la plastica protettiva e inserito il nuovo filtro, messo il suo coperchio scuro, spingendo per avvitarlo, inserito nel vano dell’eSpring, messo il processore elettronico sopra, attaccato i due tubi tolti precedentemente.

Messo il coperchio, attacco al rubinetto riavvitando nuovamente il tubo.

tubo in dotazione per eSpring

Attaccato l’apparecchio alla corrente, e fatto scorrere per alcuni minuti l’acqua, in modo che pulisse il filtro nuovo, appena installato. Naturalmente l’acqua l’abbiamo fatta scorrere raccogliendola in un catino, che poi hanno utilizzato con LOC per dare una passatina al pavimento 😉

E ora, a casa da questo cliente, e amico, ci saranno ancora altri 5.000 litri di acqua per bere e cucinare, senza 5.000 bottiglie in mezzo alle scatole.

Depuratore facile e fai da te

L'acqua di casa non è mai stata così buona, comoda, economica. Con eSpring ho chiuso definitivamente anche con l'installatore!

W l’acqua del Sindaco, con eSpring!

Ti ho raccontato qui la mia scelta pluridecennale a favore dell’acqua dal rubinetto.

E la scoperta di eSpring. Ma, oggi, ho rinnovato lo stupore, nello scoprire la reale semplicità e facilità di installazione fai-da-te.

Abituata con le altre ditte, come ti ho raccontato, con le quali dovevi sorbirti e il commerciale, e l’appuntamento con l’installatore, e la spesa per l’installatore, e ogni anno l’installatore che doveva venire a cambiare il filtro ecc. avevo ben chiaro che, con eSpring, avrei avuto vita facile. Ma, così facile, è stato proprio un gran benessere!

PS l’installazione l’abbiamo fatta presso l’abitazione di una cliente, a Cesenatico.

Ti va di guardare il video casalingo, in cui mostro i semplici passaggi per l’installazione di questo gioiellino?

Guarda, per mostrarti l’enormità della cosa semplice che è, ti mostro anche alcune foto scattate nei passaggi dell’operazione.

Abbiamo “spacchettato” l’eSpring e, seguendo le istruzione, tolto il coperchio.

Prima di acquistare eSpring, la signora aveva scelto (da un paio di anni) questo filtro meccanico a rubinetto. Non il massimo, ma meglio di nulla, meglio di bottiglie su bottiglie di plastica. No? 😉

Ecco le mani di mio figlio che, sempre secondo istruzioni, inseriscono i due tubi nel deviatore, precedentemente avvitato al rubinetto (al posto di quel filtro meccanico che c’era prima). In pratica, si tratta di mettere in ciascun tubino le due ghiere fornite, spingere i tubi negli appositi fori, e stringere le ghiere.

Poi, naturalmente, abbiamo collegato i due tubini alla macchina. Qui, solo spingere! 🙂

Infine, abbiamo inserito il pezzettino di plastica modellato, del cavo di alimentazione, nel suo apposito spazio, e chiuso con il coperchio. Collegato la spina elettrica nella presa. Fatto scorrere l’acqua dal rubinetto nell’eSpring, per sciacquare bene la macchina. Infine, riempito le bottiglie colorate che la nostra amica usa, e posizionato nel posto migliore per le, sul piano lavoro.

PS Se non hai nulla, attaccato al rubinetto, come in questo caso che ti abbiamo mostrato per esempio, dovrai solo togliere la ghiera del tuo riduttore di flusso (quello lo avrai sicuramente, è quello da cui sgorga l’acqua e serve per consumare meno acqua oltre che per avere un getto più “morbido”) e avvitare il riduttore.

Ma non preoccuparti, perché la potremo installare insieme, se vuoi! Gratis, naturalmente 🙂

Ed ecco, l’eSpring, in tutta la sua unica e splendida semplicità!

Un momento! Mi sono lasciata prendere dalla bellezza di questo gioiello, e avrai forse pensato: “Eh! Vabbe’ conveniente, efficiente e pure bello… ma sarà un giocattolino”?

A sì? Guarda qui:

Tre tecnologie di trattamento

Questo splendore combina la potenza della filtrazione meccanica con l’adsorbimento (si tratta della proprietà della superficie di una sostanza solida di fissare molecole di un gas o di un liquido con cui è a contatto, dovuta ad attrazioni molecolari) e dell’inattivazione microbica tramite luce ultravioletta con il monitoraggio elettronico avanzato.

Prefiltro, per il particolato di grandi dimensioni, filtro a carbone attivo avanzato da fibra di cocco, filtra fino a 0,2 micron e blocca oltre 160 contaminanti e luce ultravioletta fino a 40 millijoule per centimetro quadrato di UV per ridurre efficacemente il 99,9% delle malattie trasmesse dall’acqua.

Troppo? Può darsi. Ma perché non proteggere la nostra salute e quella di chi amiamo, al top?

E le certificazioni?

eSpring Sistema per il Trattamento dell’Acqua ha ottenuto la certificazione di terzi basata su standard NSF/ANSI riconosciuti a livello internazionale. La certificazione riguarda: il miglioramento del gusto, dell’odore e dell’aspetto dell’acqua (standard 42); la rimozione del piombo e dei contaminanti organici volatili (standard 53); il trattamento battericida supplementare dell’acqua potabile pubblica disinfettata (standard 55); e l’eliminazione dei contaminanti emergenti, come gli erbicidi e alcuni farmaci da prescrizione e da banco e così via (standard 401). eSpring Sistema per il Trattamento dell’Acqua ha ottenuto il Gold Seal della Water Quality Association per l’alta qualità dei prodotti per il trattamento dell’acqua domestica (https://wqa.org/find-products#/keyword/espring). Il Gold Seal della World Quality Association (WQA) viene assegnato ai prodotti che superano i rigorosi test basati su standard di settore e le revisioni annuali degli impianti di produzione; inoltre, devono essere conformi ai sistemi di certificazione della WQA.

NSF International è una importante organizzazione indipendente che si occupa dello sviluppo di normative e programmi di certificazione in materia di salute pubblica per la salvaguardia del cibo, dell’acqua, dei prodotti di consumo e dell’ambiente a livello mondiale. Il certificato NSF garantisce che il prodotto sia stato testato da una delle organizzazioni indipendenti più rispettate. Dall’esecuzione di test completi sul prodotto e dall’analisi dei materiali, fino alle ispezioni degli stabilimenti senza preavviso, ogni aspetto dello sviluppo viene attentamente esaminato prima che un prodotto possa ottenere il rilascio di un certificato NSF. 

Questo sistema eSpring è stato lanciato nel 2002 e ha venduto oltre 6 milioni di unità fino ad oggi. ***

*eSpring Sistema per il Trattamento dell’Acqua non previene né attenua le malattie.
**Batteri fino al 99,9999%, virus fino al 99,99% e cisti fino al 99,9%.
**Riduzione delle cisti di Giardia e Cryptosporidium tramite luce ultravioletta (UV).
* eSpring Sistema per il Trattamento dell’Acqua non è stato testato per la riduzione di alcuno dei ceppi di coronavirus (MERS, SARS o COVID-19).  
*** Ad aprile 2020.

Queste info le puoi trovare direttamente sul sito di Amway

E se vuoi chiedermi qualunque cosa, in merito, non devi far altro che contattarmi. Subito. Manda il messaggio con WhatsApp

E, se ti è piaciuto quello che ti ho mostrato e ti è giunta la mia condivisione onesta ed entusiasta, sappi che puoi chiedermi anche come fare per ottenerlo con il massimo sconto con tutte le garanzie. Tra una settimana potresti aver chiuso definitivamente con bottiglie, scomodità, cloro e calcare, per dare il via alla tua nuova vita con acqua perfetta per te!

Luce e gas, cerchi qualcosa di interessante?

Innanzitutto dovrei chiederti COSA è interessante, per te. Perché, immagino tu lo sappia già, non tutti cercano le stesse cose.

Ci sono utenti che: “Ma no, per 50€ all’anno non sto nemmeno a cambiare” e utenti che “Con 50€/anno ci porto fuori i ragazzi a mangiare la pizza una volta in più!”

C’è chi pensa che, prodotta bruciando carbone o con il fotovoltaico, non faccia differenza.

C’è chi è così demoralizzatə che si è convintə che nulla, di luce e gas, possa convenire.

A ciascun il proprio mestiere.

Luce gas e acqua in bolletta

Mi chiedete cosa vuol dire, che Pef Power ti dà anche l’acqua.

Fai bene, a chiedere, perché sapere è potere!

Francesco Bacone, filosofo.

Sapere che la rete di acquedotto è composta, per la maggior parte di chilometri, da tubi in amianto.

Sapere che, purtroppo, ogni intervento su di essa libera in rete calcinacci, polveri, e fibre di amianto. Ti invito a digitare sui motori di ricerca “fibre di amianto in acquedotto”, giusto per averne maggior consapevolezza 😔.

Sapere che, gli elementi disciolti in acquedotto per garantire la portabilità dell’acqua che sgorga dai rubinetti di casa, il cloro su tutti, con il calore (l’acqua che bolliamo per cucinare la pasta, per esempio) subiscono trasformazioni poco gradevoli. E non sempre salutari. Seppur in minima quantità. Ma, ricordiamoci, la goccia scava la roccia.

Sapere che, quindi, dovremmo cucinare con l’acqua minerale.

Sapere che la raccolta differenziata è inefficiente, che il vuoto a rendere tarda a tornare in auge.

Sapere che, filtrare con metodi tecnologici e sicuri l’acqua del Sindaco, è la soluzione scelta da migliaia di famiglie italiane E ristoranti per un maggior gusto (pensa alla moka☕ per esempio! Pensa alla pasta 🍝, alla tisana 🍵… tutto decisamente più buono, garantisco personalmente: sono 25 anni che ho un dispositivo per l’acqua).

Potere ottenere la tecnologia giusta, spendendo meno di un euro al giorno, pagando in bolletta, è l’opportunità che offro, con PEF Power, a chi diventa cliente.

Passa subito a questa fornitura sicura e conveniente, e contattami per attivare l’opzione dell’acqua!

Smetti di rimandare, liberati dalle bottiglie🍶e migliora la tua vita. Con meno di un euro al giorno, in poco tempo, usando da subito acqua priva di cloro, amianto e calcinacci!